Piccolo Atlante della Corruzione

“Piccolo Atlante della corruzione” è un Laboratorio sperimentale inaugurato come progetto pilota nell’anno accademico 2013/2014 a Roma e a Minturno (LT) con la partecipazione di 400 studenti dei licei romani Giuseppe Peano, Plinio Seniore, Cornelio Tacito, Teresa Gullace Talotta, e del liceo Leon Battista Alberti di Minturno (LT). Il Laboratorio è stato realizzato con impegno e motivazione straordinari e ha portato alla nascita di cinque Atlanti di natura scientifica sul fenomeno della corruzione.
Clicca qui per scaricare gli Atlanti.         per informazioni: Beatrice Ravaglioli ( bearavaglioli@tiscalinet.it - cell. 3358167422 )

Materiale di consultazione per l'a.s. 2014-2105
Il Marnetto Quotidiano Raspodie: Vita e pensieri di Rasputin

raineri

Nella vicenda dello stipendio della Raineri (194 mila euro lordi)  più dell'importo, mi colpisce la giustificazione che ne dà la neo Capo Gabinetto della Sindaca Raggi. In sostanza, dice che che se si vuole la sua competenza, devono pagarla quanto riceveva come magistrato. E a chi non avesse ancora capito, specifica che "non è venuta a Roma per fare beneficenza al Campidoglio" Tutto chiaro, ma nella sua spiegazione - ben più articolata - non appare l'elemento che qualifica l'impegno pubblico: una motivazione ideale. Anzi, la freddezza

Leggi tutto

foto

Ci vuole la foto del bambino ferito, annegato, mutilato, terrorizzato per rendere evidente l'orrore della guerra. Allora pubblichiamole tutti i giorni.  Anzi, più i corpicini sono martoriati, meglio è.  Tanto il dolore non sappiamo più immaginarlo.  Se non lo vediamo nella sua espressione più drammatica - la foto di un piccolo inerme e massacrato -  non secerniamo più neanche una stilla di empatia.  E continuiamo ad accettare i bombardamenti dei civili (senza foto dei morti), dei mercati (senza foto), delle scuole (senza foto) degli o

Leggi tutto

burkini

Il dimorfismo sessuale determina - in quasi tutte specie - che il fisico del maschio sia più forte di quello della femmina. Anche in quella umana. E questo ha comportato che il soggetto più forte (uomo) dettasse regole e ruoli a quello più debole (donna). Perché la prima legge ad entrare in vigore è stata quella del più forte. Poi è venuto il diritto, ma molto più tardi, e ha reso possibile il rispetto, anche verso chi non può procurarselo con la forza. Le religioni stanno seguendo questi passaggi, ma con un ritardo ancora notevole

Leggi tutto

stella cadente

Cade una stella. Esprimo un desiderio. Il Governo decide di debellare le mafie. Subito si organizzano presidi davanti alle abitazioni delle note famiglie mafiose, dovo ogni persona che esce o entra deve essere identificata. Un'azione continua, assillante, che fa subito capire a boss e affiliati che la musica è cambiata. Che la pressione è massima. Che vivranno sotto stretto controllo. La gente si accorge che lo Stato c'è dove non c'era e fa sul serio. Pian piano, percepisce che è diventato più forte della mafia, perché gioca d'antici

Leggi tutto

LA CREDIBILITA' GENERA FIDUCIA

La credibilità genera fiducia. Non si può andare a chiedere flessibilità in Europa - come dice Renzi - se non si è credibili nella lotta all'evasione, alla corruzione, ai privilegi. Il fermo-Pil appena registrato dall'Istat ha bruscamente destato il governo dal sogno renziano di "svolta buona" e costretto il premier a ripiegare su una nuova richiesta di concessioni in Europa. Tutto legittimo e molto meglio che istituire nuove tasse. Ma per avere le carte in regola per chiedere soldi agli altri, occorrerebbe aver fatto di tutto per aver

Leggi tutto

eli-sì

Quando arriva in piazza la Boschi, tutti gli occhi sono puntati su di lei.  La gente aspetta l'eli-Sì prodigioso e lei non li delude. "Avvicinatevi senza timore, signori e signore! Votare Sì, rende la pelle liscia e sana le piaghe purulente. Non solo. Se voi mettete una crocetta qui sulla scheda, il prodigioso eli-Sì farà effetto  già dal giorno dopo e cesseranno flatulenze ed alito pesante. Avete problemi digestivi, insonnia, stitichezza? Con l'eli-Sì, vi passeranno". Brusio dei presenti. C'è chi si gratta la testa, chi si sfiora

Leggi tutto

non fermate la satira

Direttore di Rai Radio 2, Paola Marchesini,   le scrivo perché ho letto che le autrici conduttrici del programma satirico Mamma non Mamma, Francesca Fornario e Federica Cifola, hanno ricevuto il consiglio tassativo da Carlo Conti - neo direttore artistico - di smettere di fare satira politica. Questa censura è inaccettabile e un pessimo segno di malessere democratico del nostro Paese.  Quando la satira viene colpita e limitata, vuol dire che la nostra libertà si sta restringendo.  Direttore di Rai Radio 2, Paola Marchesini, mi spiace

Leggi tutto

olimpiadi

  Non sto seguendo con partecipazione le Olimpiadi.  Non ci sto con la testa. C'è troppa guerra in giro per il mondo. Troppo terrorismo. Troppi migranti senza riposo. Anche le altre olimpiadi si sono svolte con conflitti in corso, ma mi fa pensare che siano state interrotte solo durante il conflitto mondiale.  Ecco, credo che ci sia un conflitto mondiale in corso, non convenzionale, ma talmente diffuso da non lasciare lo spazio mentale alla gioia della eterna lotta della specie umana contro i propri limiti.  Perché questo è il v

Leggi tutto

PRESIDENTE MONICA MAGGIONI,

Presidente Monica Maggioni,  (presidenza@rai.it) scrivo per esprimere il mio profondo dissenso nei confronti della involuzione filogovernativa della Rai, che emerge dal piano di nomine (e conferme) dei Tg. Per me e molti altri cittadini che non condividono le scelte del governo Renzi, non ci sarà più un telegiornale libero di esporre critiche documentate alle sue azioni e - soprattutto - omissioni. In particolare, mi ha colpito la rimozione della direttrice Bianca Berlinguer, che ha fatto del tg3 una voce fuori dal coro, nel grigio panor

Leggi tutto

visite

Finalmente. Sembra che  i rappresentanti delle maggiori moschee di Francia abbiano  invitato i loro fedeli a visitare le chiese cattoliche, per dimostrare la vicinanza delle due religioni di fronte agli orrori dei fondamentalisti. E' un segnale che tutti gli uomini di pace attendevano con speranza. E che deve oltrepassare i confini francesi, per diventare una consuetudine di dialogo, conoscenza e reciproca fiducia.  Sarebbe profondamente innovativo che  le autorità cattoliche e mussulmane (ed anche ebraiche) concordassero che il 26 Lug

Leggi tutto

PARTECIPA ANCHE TU (iniziative, appelli, sottoscrizioni)

Opinioni e Idee
 VENTOTENE -  IL CORAGGIO DELLA SPERANZA PER TORNARE  A DIMOSTRARE  UNA REALE  CAPACITA' PROPULSIVA  - Roberto Toscano – 24 agosto 2016

VENTOTENE – IL CORAGGIO DELLA SPERANZA PER TORNARE A DIMOSTRARE UNA REALE CAPACITA’ PROPULSIVA – Roberto Toscano – 24 agosto 2016

(…)
E’ stato ribadito che il processo di integrazione europea è come una bicicletta, il cui equilibrio è sostenibile solo quando è in movimento. Mai questa immagine è stata più calzante.
Ma come si può immaginare che un progetto sottoposto a tali tensioni e minacce possa tornare a dimostrare una reale capacità propulsiva?
E’ qui che  va [...]

Continua
MA LA SINISTRA NON C'E' -  BRACCIANTI SFRUTTATI : UNA BATTAGLIA DI LAVORO E DIRITTI  – Intervista  al regista ANDREA SEGRÈ  di Tommaso Rodano -| 22 agosto 2016

MA LA SINISTRA NON C’E’ – BRACCIANTI SFRUTTATI : UNA BATTAGLIA DI LAVORO E DIRITTI – Intervista al regista ANDREA SEGRÈ di Tommaso Rodano -| 22 agosto 2016

(…)
Come si possono portare queste persone fuori dalla schiavitù?
“I diritti nell’agricoltura italiana sono stati ottenuti nel momento in cui i braccianti si sono auto organizzati. I lavoratori stranieri ancora non riescono a farlo, o gli viene impedito. E i sindacati italiani sono molto indietro nella loro tutela. A tentare di rappresentarli restano le associazioni sul [...]

Continua
NON SEMPRE LA DEMOCRAZIA DIRETTA IN DOSI PIÙ MASSICCE È DEMOCRATICA – QUANDO SI TRATTA DI DECISIONI DI VASTA PORTATA E GRAVI CONSEGUENZE SI DOVREBBE RICHIEDERE UNA MAGGIORANZA QUALIFICATA DEGLI AVENTI DIRITTO -  Stephan Israel – 25 luglio 2016

NON SEMPRE LA DEMOCRAZIA DIRETTA IN DOSI PIÙ MASSICCE È DEMOCRATICA – QUANDO SI TRATTA DI DECISIONI DI VASTA PORTATA E GRAVI CONSEGUENZE SI DOVREBBE RICHIEDERE UNA MAGGIORANZA QUALIFICATA DEGLI AVENTI DIRITTO – Stephan Israel – 25 luglio 2016

Noi svizzeri lo abbiamo sempre saputo: la nostra democrazia diretta è il più alto dei sistemi democratici.
(…)
Si direbbe che la nostra democrazia diretta stia mietendo successi come articolo d’esportazione. Ma  se ha funzionato da noi, siamo davvero certi che vada bene per l’Europa?
(…)
Dove porterebbe la trasposizione del modello elvetico all’Europa?
(…)
Non sempre la democrazia diretta in [...]

Continua
QUEI GIOVANI PSICOTICI E IL DELIRIO TERRORISTICO- Massimo Recalcati – 22 luglio 2016

QUEI GIOVANI PSICOTICI E IL DELIRIO TERRORISTICO- Massimo Recalcati – 22 luglio 2016

  (…)
… questa violenza è davvero senza meta, senza legge, senza senso  che può trovare  nell’esistenza dell’Is non la sua Causa, ma una sorta di giustificazione e di incentivazione. E’ violenza allucinata che trasforma la vita in morte, violenza puramente nichilistica …
(…)
Lo schema, di natura  … paranoica, del gesto terrorista dove è l’ Ideale a [...]

Continua
Il paradosso turco: una democrazia senza liberalismo- Nadia Urbinati - 19 luglio 2016

Il paradosso turco: una democrazia senza liberalismo- Nadia Urbinati – 19 luglio 2016

 

Politica

I turchi che vivono nei paesi occidentali seguono con giustificata ansia le vicende del loro paese. Seyla Benhabib (1) si dice profondamente scossa dagli eventi che si succedono veloci e gravidi di implicazioni. Ebrea, nata e cresciuta in Turchia, Benhabib è una delle più note e apprezzate teoriche politiche, allieva di Jürgen Habermas e docente [...]

Continua
NON SONO COMPATIBILI CON L’EUROPA I MILITARI GOLPISTI. MA NEPPURE ERDOGAN CHE  SCATENA LE PIAZZE, ARRESTA I GIUDICI  NON COMPIACENTI E PENSA A REINTRODURRE LA PENA  DI MORTE -  Andrea Bonanni – 18 luglio 2016

NON SONO COMPATIBILI CON L’EUROPA I MILITARI GOLPISTI. MA NEPPURE ERDOGAN CHE SCATENA LE PIAZZE, ARRESTA I GIUDICI NON COMPIACENTI E PENSA A REINTRODURRE LA PENA DI MORTE – Andrea Bonanni – 18 luglio 2016

  (…)
Purtroppo tutti gli attori che si sono esibiti sulla scena in queste ore smentiscono il sillogismo di una Turchia avviata verso un radioso  avvenire democratico grazie alle sue aspirazioni europee. Non sono ovviamente compatibili con l’Europa i militari golpisti. Ma non lo è neppure Erdogan che  scatena le piazze, arresta i giudici  non compiacenti [...]

Continua
© 2016 Circolo di Roma Suffusion theme by Sayontan Sinha