Piccolo Atlante della Corruzione

“Piccolo Atlante della corruzione” è un Laboratorio sperimentale inaugurato come progetto pilota nell’anno accademico 2013/2014 a Roma e a Minturno (LT) con la partecipazione di 400 studenti dei licei romani Giuseppe Peano, Plinio Seniore, Cornelio Tacito, Teresa Gullace Talotta, e del liceo Leon Battista Alberti di Minturno (LT). Il Laboratorio è stato realizzato con impegno e motivazione straordinari e ha portato alla nascita di cinque Atlanti di natura scientifica sul fenomeno della corruzione.
Clicca qui per scaricare gli Atlanti.         per informazioni: Beatrice Ravaglioli ( bearavaglioli@tiscalinet.it - cell. 3358167422 )

Materiale di consultazione per l'a.s. 2014-2105
Il Marnetto Quotidiano Raspodie: Vita e pensieri di Rasputin

california ( ritmo rap )

(ritmo rap sincopato) Ciaone fratelli!, sono in giro in California basta col referendum, usciamo dalla sbornia Qui si  vede bene dove va il futuro voglio capire quanti voti rende costruire un grande muro Per gli operai licenziati ormai c'è solo una minestra e più sono incazzati e più votano la destra La classe media è stanca del suo Calvario ha paura di tutto e vota un miliardario E' questo che al mio ritorno voglio far capire se dai la colpa agli altri, il PD può ripartire Ciaone fratelli!, sono in giro in California basta col re

Leggi tutto

medici per l'aborto

Da credente, accetto la decisione della Regione Lazio di assumere dei medici, con l'espressa mansione di occuparsi aborti. La questione non riguarda solo la necessità di assicurare un servizio previsto dalla legge 194/78 - esigenza di per sé già esaustiva - ma le sue motivazioni. Infatti, chi oggi si scandalizza per la chiarezza del bando in questione - come fa la CEI - dimentica che l'aborto terapeutico nasce per combattere quello clandestino. Per essere ancora più chiari, non eseguire aborti in ospedale non significa salvare più bambini

Leggi tutto

sinistre e i 10 nessi

Possono collaborare le nuove Sinistre nate dal rigetto del renzismo?  Forse sì, con un minimo programma ("10 nessi"). Nesso "Evasione-Disoccupazione": servono soldi per creare lavoro vero per i giovani e per trattenere i ricercatori più qualificati in Italia con stipendi europei. Queste risorse devono uscire non dall'aumento delle tasse di chi è già spremuto, ma da una seria lotta all'evasione. Vampiro non è chi vuol far pagare gli evasori, ma gli evasori che scaricano le tasse che non pagano sui soliti pensionati e lavoratori dipend

Leggi tutto

parola pubblica

Per me, la notizia più importante di oggi sta nell'ultima pagina de Il Fatto Quotidiano. E' la pubblicità dell'Eni. Che aveva escluso dal proprio piano di comunicazione questo giornale, perché aveva pubblicato un'inchiesta di corruzione internazionale in cui era coinvolta l'Eni stessa. Da allora, con molti amici, abbiamo scritto e protestato contro il colosso del petrolio nazionale, dichiarando l'avvio di un boicottaggio delle sue stazioni di servizio, fino a quando non avremmo visto la sua pubblicità sul Fatto. Non voglio certo dire ch

Leggi tutto

PD

Essere di sinistra non è stato mai facile, ma adesso inizia ad essere veramente complicato. C'è un PD che Renzi ha pignorato a garanzia del debito di riconoscenza per il 40% alle europee. Nasce finalmente Sinistra Italia, ma pure lei con tanto di scissione di Scotto, che scatta con i suoi verso posizioni più adeguate al suo bisogno di sicurezza. E poi, sullo sfondo, la promessa della breccia di Pisapia, che dovrebbe portare i bersaglieri arancioni al governo. Tra tutti questi eventi, quello che più colpisce per la sua inutilità è l'a

Leggi tutto

conto

E' intelligente, ma non si applica. Lo dicevano i professori, per dare una speranza ai genitori degli alunni più scarsi. Con Renzi, vale il contrario: si applica, ma non è intelligente. Un giudizio non dettato dall'odio - categoria berlusconiana passata per contagio nazareno ai renziani - ma dell'oggettiva incapacità dell'ex premier di capire la ferrea legge dell'alternativa. La sinistra lotta contro la diseguaglianza di tutti. La destra ne trae profitto per pochi. Entrambe le cose non si possono fare. Non si può stare in un partito di sini

Leggi tutto

tassisiti

Capisco le ragioni dei tassisti, ma non accetto che blocchino la città senza seguire le norme che regolano gli scioperi.  Questa categoria ha tutto il diritto di protestare, ma come cittadini non possiamo subire il bullismo rivendicativo. Sì, bullismo, perché i tassisti erogano un servizio indispensabile e questo li rende forti nelle vertenze. Soprattutto se al loro già notevole impatto uniscono l'occupazione delle strade per far collassare la mobilità, utilizzando l'effetto sorpresa, ottenuto con la mancanza di qualsiasi preavviso ch

Leggi tutto

nimbo

Dal Nimby (Not in my beckyard) di chi non voleva che si toccasse il proprio cortile, siamo passati al Nimbo (Not inside my borders) ormai proclamato pubblicamente da Trump. Che lascia la Crimea ai Russi che l'hanno strappata con la forza e soprattutto si disinteressa dei palestinesi, dando carta bianca a Netanyahu per spolparsi le ultime terre oltreconfine, con il proliferare di insediamenti illegali. Il sovranismo - cioè l'individualismo di stato - non è solo un tic dell' "America first", ma riguarda anche l'Europa.  Dove le prossime elezio

Leggi tutto

dracula

Che succede? chiedo alla mia amica appena tornata dalla Romania. Succede che loro rubano e noi dobbiamo espatriare per trovare un lavoro e uno stipendio per vivere. Ci sarebbe tanto da fare da noi, ma quelli del governo pensano solo a loro e noi dobbiamo stare lontano dai nostri genitori e dai nostri figli per undici mesi all'anno, per mandare i soldi a casa. Ma cosa chiede tutta la gente in piazza che sfida il freddo? Vogliamo politici onesti, che risolvano i nostri problemi. La nuova generazione di rumeni si sente europea non perché è nell'

Leggi tutto

bersanexit

Il PD è morto quando ha tolto le tutele dell'articolo 18 e adottato il Jobs act. Cioè, quando tra lavoratori e datori, ha ignorato i primi e finanziato questi ultimi. Ora farà suo suo congresso, ma la scissione con il suo elettorato non si ricomporrà. Al massimo potrà diventare una nuova DC, che tollera i bancarottieri come Verdini e i padrini di inquisiti come Alfano, pur di restare al governo e infestare il sottogoverno. Ecco perché tutti i passaggi statutari - assemblea, dimissioni, turbo-congresso -  sembrano formalità, con un f

Leggi tutto

PARTECIPA ANCHE TU (iniziative, appelli, sottoscrizioni)

Opinioni e Idee
FINE VITA – IL GIUDICE  ORDINA  IL FINE VITA ALLA ASL : LA COSTITUZIONE «TUTELA IL DIRITTO ALLA SALUTE E ANCHE QUELLO AD AUTODETERMINARSI, “MORIRE SENZA DOLORE È DIRITTO DEL MALATO – Caterina Pasolini – 5 dicembre 2016

FINE VITA – IL GIUDICE ORDINA IL FINE VITA ALLA ASL : LA COSTITUZIONE «TUTELA IL DIRITTO ALLA SALUTE E ANCHE QUELLO AD AUTODETERMINARSI, “MORIRE SENZA DOLORE È DIRITTO DEL MALATO – Caterina Pasolini – 5 dicembre 2016

«È un diritto rifiutare le cure e andarsene senza soffrire: sedati per non sentire ansia o dolore». E chi deve garantire una fine dignitosa, «accompagnando e accudendo il malato», è il servizio sanitario nazionale.
La sentenza arriva dal tribunale di Cagliari dove il giudice tutelare Maria Luisa Delitala ha accolto la richiesta di un malato di [...]

Continua
QUANDO  LA DISEGUAGLIANZA È TALE DA RENDERE “PERICOLOSA” LA DEMOCRAZIA  - di Tomaso Montanari  - 1 dicembre 2016

QUANDO LA DISEGUAGLIANZA È TALE DA RENDERE “PERICOLOSA” LA DEMOCRAZIA – di Tomaso Montanari – 1 dicembre 2016

  Veniamo al nocciolo della questione. Se vince il Sì il governo (qualunque governo) sarà più forte, e i cittadini conteranno di meno. La riforma punta tutto sulla diminuzione della partecipazione, e sulla autoreferenzialità della classe politica. Come ha scritto don Ciotti, chi ha voluto questa “nuova” Costituzione vede “la democrazia come un ostacolo“, e [...]

Continua
UN PAPA CHE POSIZIONA LA CHIESA NON PIÙ IN DIFESA COME UNA RIGIDA SENTINELLA, MA IN ATTACCO, NEL CENTRO DEL MONDO, PER ANNUNCIARE LA FOLLIA DELL’AMORE UNIVERSALE,  POTRA’   APRIRE UN DIBATTITO  SUL NUMERO SEMPRE PIU’ ALTO  DI  MEDICI OBIETTORI ?  -   Vito Mancuso – 22 novembre 2016

UN PAPA CHE POSIZIONA LA CHIESA NON PIÙ IN DIFESA COME UNA RIGIDA SENTINELLA, MA IN ATTACCO, NEL CENTRO DEL MONDO, PER ANNUNCIARE LA FOLLIA DELL’AMORE UNIVERSALE, POTRA’ APRIRE UN DIBATTITO SUL NUMERO SEMPRE PIU’ ALTO DI MEDICI OBIETTORI ? – Vito Mancuso – 22 novembre 2016

Amore? Perdono? In questo mondo dove tutto è calcolo, tecnica, prestazione; in questo mondo dove tutto risponde   a una logica del legale, dell’utile, del redditizio, del necessario; in questo mondo dove sempre e comunque tutti devono pagare ogni cosa con il denaro ma ancor di più con la libertà, il tempo, la vita; in questo [...]

Continua
L’ASCESA DI  DONALD  - AL CUORE DEL PROBLEMA   LA VIOLAZIONE DEL CONTRATTO NON SCRITTO TRA CAPITALE E LAVORO – Mariana Mazzucato – 20 novembre 2016

L’ASCESA DI DONALD – AL CUORE DEL PROBLEMA LA VIOLAZIONE DEL CONTRATTO NON SCRITTO TRA CAPITALE E LAVORO – Mariana Mazzucato – 20 novembre 2016

(…)
La globalizzazione del capitale ( in contrasto con quella del lavoro) implica che quando la crescita stenta il capitale può andarsene altrove.
(…)
Al cuore del problema  c’è la violazione del contratto non scritto tra capitale e lavoro (il senso di una condivisione degli obiettivi e dei benefici tra i lavoratori americani e i loro datori [...]

Continua
È URGENTE RIORIENTARE LA GLOBALIZZAZIONE. LE DISUGUAGLIANZE E IL RISCALDAMENTO CLIMATICO SONO LE PRINCIPALI SFIDE DEL NOSTRO TEMPO -  Thomas Piketty – 21 novembre 2016

È URGENTE RIORIENTARE LA GLOBALIZZAZIONE. LE DISUGUAGLIANZE E IL RISCALDAMENTO CLIMATICO SONO LE PRINCIPALI SFIDE DEL NOSTRO TEMPO – Thomas Piketty – 21 novembre 2016

   Diciamolo subito: la  vittoria di Trump si  spiega innanzitutto con l’esplosione delle disuguaglianze economiche e territoriali negli Stati Uniti, in atto da vari decenni, e con l’incapacità dei successivi governi di far fronte a questi problemi.
(…)
Sfortunatamente il programma del nuovo presidente non farà che aggravare la tendenza all’aumento delle disuguaglianze . Trump si prepara [...]

Continua
ANDARE AVANTI, NONOSTANTE TRUMP – PERCHE’ LE ELEZIONI DECIDONO CHI HA IL POTERE NON LA VERITA’  - Paul Krugman – 15 novembre 2016

ANDARE AVANTI, NONOSTANTE TRUMP – PERCHE’ LE ELEZIONI DECIDONO CHI HA IL POTERE NON LA VERITA’ – Paul Krugman – 15 novembre 2016

  (…)
Prima di tutto, è sempre importante ricordarsi che le elezioni decidono chi ha il potere, non chi ha la verità: l’estrema destra non ha ragione a considerare inferiori i non bianchi e la voodoo economics non funziona. E bisogna restare fedeli alla verità meglio che si può, anche se è uscita sconfitta politicamente.
Detto questo, [...]

Continua
© 2016 Circolo di Roma Suffusion theme by Sayontan Sinha